fbpx

Tag Archives forcapriano del colle

Lazzari vini, una mattina a Capriano del Colle

Lazzari vini visita e degustazione

Per l’appuntamento con la cantina di questa settimana entriamo nel cortile di un cascinale dove vive l’intera famiglia che ci accolto in questa bella giornata, un cascinale costruito nel 1890 dotato di nuova vita negli anni ma che ancora accoglie tutta la squadra della Cantina Lazzari Vini. 

La visita con Davide inizia con saluti e presentazioni all’interno di una stanza in cui domina una cartina. La cartina del territorio del Monte Netto. 

montenetto_vini_lazzari_caprianodelcolle

Il Monte Netto è un altopiano formato da terreni calcareo argillosi che si eleva dalla Pianura Padana. Fanno parte del Consorzio del Monte Netto i comuni di Capriano del Colle, Poncarale e Flero. La Cantina Lazzari Vini si trova nel comune di Capriano del Colle, ha diversi vigneti e un obiettivo molto chiaro: rendere la denominazione Capriano del Colle DOC una denominazione degna di interesse nazionale per l’alta qualità del vino prodotto attraverso un approccio biologico e ricerche specifiche sul territorio. Tutto questo, unito a una forte passione e un alto coinvolgimento emotivo. 

Ciò diventa sempre più chiaro quando iniziamo la visita nei vigneti, accompagnati da un determinato padrone di casa. Nonostante il freddo pungente di Gennaio e pochi colori offerti dalla natura, riusciamo ad immaginare tutto il ciclo produttivo della vigna grazie alle parole evocanti di Davide. Passiamo tra i filari una buona oretta e scopriamo tante cose interessanti. 

Per esempio, scopriamo subito che la famiglia decide di adottare un metodo alternativo a quello della pergola bresciana e che all’inizio degli anni 2000 iniziano a puntare sulla tecnica del diradamento. Questo significa che quando inizia l’invaiatura della vite si tagliano alcuni grappoli per distribuire il nutrimento su un numero inferiori degli stessi e ottenere quindi maggior qualità. 

lazzari_vini_capriano_del_colle
fausto-adagio-lazzari-vini

E il nonno che cosa ne pensa? 

Fatela questa domanda ad Davide. Parlavo di determinazione, nel video che trovi su IGTV dove descriviamo la cantina e l'esperienza vissuta, perché con la loro decisione sono riusciti ad andare oltre alla visione del nonno che, essendo forse più legato a una concezione antica del terreno, non ha preso benissimo questa scelta. I contadini di una volta ricevevano buona parte del loro fabbisogno dai frutti della terreno ed eliminarne una parte non deve essere stato facile da accettare da parte del nonno Fausto. Il risultato e la qualità dei vini gli hanno però fatto cambiare idea e continua a supportare il resto della famiglia. 

Un’altra importante scelta di questa famiglia è stata quella di iniziare a condurre delle approfondite ricerche agronomiche, che gli ha portati ad optare per un’agricoltura biologica che supporta meglio la biodiversità microbica del suolo. 

Come? Combattere la tendenza alla compattezza del suolo argilloso attraverso la coltivazione alternata di diverse erbe specifiche o introdurre l’utilizzo di nuove tecniche naturali per arginare il rischio dell’invasione della tignoletta. 

Tutto ciò porta con sé anche un ulteriore vantaggio: proteggere la diversità e la caratterizzazione del terreno sul quale vivono le proprie vigne. 

Tra le varie ricerche di cui ci ha parlato Davide, una su tutta ci ha sicuramente colpito: grazie al loro agronomo hanno scoperto che si parla del Marzemino del Monte Netto in una lettura del 500 dell’autore Agostino Gallo che aveva una villa a Poncarale. La disponibilità della famiglia a condurre esperimenti sul proprio terreno ha portato alla creazione di due filari derivanti da due cloni di varietà locali di Marzemino. Dal 2008 sono quindi impegnati con il recupero di una varietà autoctona di Marzemino, sono riusciti a registrarla e sono riusciti ad autorizzarne la coltivazione. Noi però non siamo riusciti ad assaggiare il vino, la bottiglia non è ancora in commercio e quindi non sappiamo neanche dirvi quale sarà il nome attribuito a questa pianta dai loro pionieri. Vi diciamo una cosa: conoscendo Davide, sarà sicuramente un nome difficile da dimenticare!

davide-lazzari-vini

La giornata si è conclusa con la degustazione dei loro vini, ve ne citiamo alcuni:

Fausto, Adagio e Riserva degli Angeli.

Se siete stati attenti durante la lettura non farete fatica a capire a chi è stato dedicato il primo vino citato, mentre ci teniamo a segnalarvi l’ultimo:

Riserva degli Angeli è un vino rosso sensazionale che, dopo essere stato eletto miglior Capriano del Colle rosso, è stato eletto miglior vino rosso d’Italia. 

Sotto le guida di Davide, la cantina Lazzari Vini si è conquistata inoltre la mezza pagina sulla guida del Gambero Rosso.

Che dire di più? Non potete assolutamente perdervi una visita in questa cantina, ricca di sorprese e scoperte. E se non volete perdervi l’annuncio del nome della località autoctona che lanceranno a breve…non vi resta che continuare a seguirci! Noi sicuramente non li perderemo di vista!

Alcune informazioni utili per gli amantidivino ed enoturisti

  • Luogo: Capriano del Colle (BS)
  • Tipologia vini: Capriano del Colle
  • Degustazione: nelle saletta d'ingresso e solo su prenotazione
  • Cucina: no
  • Shop: all'interno della corte
>